ARREDAMENTO DI DESIGN NATURALE

 

ARREDAMENTO DI DESIGN NATURALE

Shixiantang garden, Kioto

Introduzione al design naturale

Descrizione del contesto attuale

L’arredamento di design naturale, privato dai riferimenti dialettici, rimanda ad un idea di semplicità del vivere, ad un luogo bucolico e naive, ma è una tendenza che non contiene qualità.
La storia dell’arredamento è strettamente legata alla storia degli stili architettonici.
Nella contemporaneità con i cambiamenti sociali e degli stili di vita, si sono formati nuovi parametri nella progettazione degli arredi. L’arredamento di design naturale possiamo però
intenderlo come la necessità di abitare la casa come luogo che rifletta, in alcune zone come terrazzi, patii, vetrate, l’idea della natura, che non troviamo più nella realtà urbana, dove
l’inquinamento ed il traffico hanno progressivamente sostituito gli spazi che prima erano delle zone verdi. Portare la natura all’interno degli appartamenti, è una difesa nei confronti di un eccesso di antropizzazione e urbanizzazione che caratterizza le città, divenute ostili alla vita umana e a quella di tutti gli esseri viventi, che popolano le aree urbane.
E’ un parlare su un tema di grande rilevanza in questo momento storico, in cui il dibattito va riportato ad una visione più articolata, va ripensato il tipo di vita urbana, gli spazi aperti, il tema
del verde.

L’arredamento di design naturale non può prescindere da un disegno più ampio che riguarda il contesto sociale, urbano, le politiche sul territorio che rimandano alle scelte di progettazione,
all’utilizzo dei materiali e dei sistemi produttivi. Pertanto la parola design naturale riferita a pochi parametri risulterebbe riduttiva e superficiale.
Oggi più che mai c’è bisogno di visionarietà per progettare nuove modalità del vivere sul nostro pianeta. Bisogna ripensare quello che esiste e che non ha funzionato.
Il modello di città ideale rinascimentale è superato, non è più proponibile nelle città odierne ad alto tasso di entropia. Agglomerati di differenti etnie e culture, dove il progetto urbanistico è
stato sopraffatto dalle differenti esigenze sociali e da modelli di sviluppo che sono andati dietro ai cambiamenti, anziché prevenirli per l’organizzazione di politiche adeguate.
Oggi dobbiamo pensare la natura con un senso di unità.

ARREDAMENTO DESIGN NATURALE

Shixiantang garden, Kioto

Dobbiamo ripartire da dove è nata la separazione tra uomo e natura.

Dovremmo considerare un design nella città che rispetta la natura e anche un arredamento di spazi interni che rifletta questo stesso concetto.

Che cosa si intende per Design e natura Il design ispirato alla natura cosa significa?

Molti oggetti sono stati disegnati con questo atteggiamento. La natura è stata ed è ancora il primo modello d’ispirazione. E’ però difficile dare qualità all’ arredamento di una casa o di un ufficio concepito come arredo di design naturale.
Nell’oggetto è semplice combinare l’ispirazione con la forma, con la funzione, con la scelta dei materiali e con le modalità di produzione.

E’ un’attitudine atavica quella di lavorare il metallo per adornarsi e per costruire gli strumenti utili alla sopravvivenza, come l’impiego dell’argilla per il vasellame. Un tavolo, una sedia, un tappeto, un divano singolarmente possono essere forme ispirate alla natura: nel concetto, nell’utilizzo dei materiali con cui sono stati realizzati e anche nel processo di produzione. Invece nel progetto di un arredo, ci sono molti elementi da combinare insieme ed è difficile pensare che possano avere tutti la caratteristica di un design naturale. Dal mio punto di vista eviterei anche molti luoghi comuni, che ricordano i cottages, il rustico o l’arredo tirolese, a meno che i progetti non siano legati alle tradizioni del territorio, dove queste tipologie abitative sono nate.

Il design naturale è spesso sinonimo di design banale ed alcuni progetti di design attuali hanno proprio questo senso di banalità, questa semplificazione riduttiva verso una dialettica, che in quanto tale, non può esimersi dal porre problematiche.
Che cosa si intende per design organico se parliamo di design naturale, un importante riferimento culturale sul tema è il design organico giapponese che deriva in maniera diretta dalla religione scintoista che corrispondere anche al modo di vivere giapponese e, non è un pensiero semplicistico sulla natura.

Anche il design scandinavo come il design brasiliano,  seppur in maniera differente sono legati all’organicismo architettonico ma riflettono entrambi la poetica delle tradizioni dei luoghi a cui si riferiscono.

Antonio Gaudì, Sagrada Familia

English version

ORGANIC FURNITURE DESIGN

Today, more than ever, we need visionary design to invent new ways of living on our planet. We need to question what exists today that either no longer functions, is obsolete or has never worked
in the first place.
The model of the ideal Renaissance city is outdated, it is no longer feasible in today’s cities with a high entropic rate. Urban agglomeration composed of different ethnicities and cultures, with the many different social needs and development models, have overwhelmed the urban planning process and prevented the organization and
updating of adequate policies.
Today we must support human unity working together with nature in harmony.
We have to start from looking at where the separation between man and nature first occurred.
We need to consider design in the city that respects nature and interior design that also incorporates this concept.
But what does nature-inspired design mean?
Many objects have been designed with this in mind. Nature was and still is the first model of inspiration. However, it is difficult to create organically designed home or office furniture.
In the object it is easy to combine inspiration with form, with function, with the choice of materials and with the production methods. It is an atavistic approach to work metal in a decorative way and to build tools useful for survival, such as the use of clay for tableware.
A table, a chair, a carpet, a sofa individually can be shapes inspired by nature: in the concept, in the use of the materials with which they were made and also in the production process. Instead in the design of furniture, there are many elements needed to combine together and it is difficult to think that they can all have the characteristic of natural design.
In my work I avoid referencing the common place which recalls, for example: cottages, rustic or Tyrolean furniture, unless a project is specifically related to the tradition of the area where this type of housing has developed.
Natural design is often synonymous with banal design and some current design projects have encapsulated precisely this sense of banality, this reductive simplification of a dialectic, which as such, cannot help but present problems.

 

Heian Jingu garden, Kyoto

If we talk about organic design, an important cultural reference on the theme is Japanese organic design, which is not a simplistic idea about nature but derives directly from the Shinto religion that also corresponds to the Japanese way of life.
Both Scandinavian and Brazilian design are derived from nature, although in a different way, they are linked and both reflect the poetry of the traditions of the places to which the design is related and connected to.
Natural furniture design, deprived of cultural references, is linked to an idea of simplicity of living, to a bucolic and native place, but it is a trend that has no intrinsic value.
The history of furniture is closely linked to the history of architectural styles.
In the contemporary world with social and life style changes, new parameters have been established in the design of furnishings. When implementing organic furniture into interior design one needs to consider the way one lives in the house, places and areas such as terraces, patios, windows, that reflect nature, which is no longer provided in urban reality, spaces that were formerly green areas are gradually being replaced by traffic and internal pollution. Bringing nature into these apartments is a defence against an excess of anthropization and urbanization that characterizes the city, which has become hostile to human life and all living creatures that populate urban areas.
As we enter into a new historical phase this topic is of great relevance in which the debate must be brought back and a more articulated vision, the type of urban life, the open spaces, the subject of greenery must be rethought.
Natural and organic design furnishings cannot be separated from the broader design that concerns the social, urban context, policies in the area that refers to design choices, all the use of materials and production methods.