< back
Special Projects
Abitare il tempo
ANNA GILI'S WonderLoft
L'uso ingegneristico del colore nell'interior design
a cura di Anna Gili


25a EDIZIONE ABITARE IL TEMPO
VERSO IL FUTURO, TRA REALTA', SOGNO E UTOPIA
Verona, 16 - 20 settembre 2010


downloadDownload: ANNA GILI'S WonderLoft, Abitare il tempo 2010

Mostra personale

AZIENDE PARTECIPANTI:
AKZO NOBEL-SIKKENS - pittura murale
ATALA - “Space bicycle”, bicicletta in titanio verniciato
CARLO POGGIO DESIGN - “Viso aperto”, mobile in lamiera sublimata
METEA - “Abat-jour du jour”, lampada da terra
VALCUCINE - “Tiroir géant”, mobile scultura in vetro, legno, metallo
“Parete di vetro”, struttura in vetro
VOLPE&MOSCHIN - “Elephant planet”, scultura in acciaio verniciato

Per le mie radici di “artista” e “donna umbra”, è del tutto naturale che nella mia visione il colore svolga il ruolo di comporre lo spazio e strutturarne la forma.
Concepire un luogo dove il colore gioca un ruolo da protagonista nella definizione degli ambienti, è come realizzare una pittura tridimensionale, nella quale si può quanticamente “entrare” e visitare al suo interno i vari ambienti, di ogni dimensione dal micro al macro, generati e “raccontati” da vari cromatismi… e anche dall’effetto concreto che le loro stimolazioni polisensoriali hanno nella nostra vita.
Una pittura che diviene struttura portante, e ingloba il concetto di arredo domestico perché è essa stessa arredo.
Un processo inverso a quello di un pittore che quando dipinge, porta l’esperienza reale sulla tela piatta e bidimensionale.
Nello spazio sono presenti strutture policrome che si integrano nelle loro componenti con il progetto dell’ambiente.
Uno scheletro di elefante d’acciaio come celebrazione delle varie simbologie del grande e pacifico pachiderma che si nutre di foglie.
Nei mutamenti costanti del nostro vivere, la sua “presenza attiva” ha un doppio effetto benefico… da una parte, la sua mole e la sua pesantezza diventano indice di stabilità e immutabilità… e dall’altra, la rappresentazione della struttura semiotica del suo possente corpo si trasforma in un oggetto d’arte dalle forme ora raffinate e policrome, e diviene parte integrante dello spazio.
Un mobile contenitore - ritratto realizzato in lamiera è una presenza iconica in cui il colore da luce e forma alle varianti cromatiche della pelle.
Nella serie di lampade in plexiglas le componenti strutturali formano giochi cromatici di luce e trasparenze.
La presenza di una bicicletta, oggetto di culto a larga diffusione e simbolo di movimento, in questo contesto si trasforma sia in oggetto d’arredo performativo e ginnico da appartamento sia in strumento visivo di fuga onirica per “pedalare nei propri sogni”… Sono parte della struttura tubi policromi che invadono e si collegano allo spazio circostante.

Anna Gili

Progetto di Anna Gili
Ha collaborato Carlotta Marelli

Foto di Roberto Gennari



 
 
 
Per le Aziende
Visita la sezione Brand & Companies.
Una delle principali attività dello studio Anna Gili riguarda le collaborazioni con aziende che offrono oggetti di design.
Per i Privati
Visita le sezioni Works e Interior design.
Vai a Contact.
 
Interior Design: The Wonderloft
Visita la sezione Wonderloft. "L'edificio da ristrutturare all'interno del quale scelsi lo spazio che divenne il mio loft era molto ampio con dei muri alti 8 metri..."